Allarme Clima. Mai così alto CO2 nell’atmosfera.

 

Allarme Clima. Mai così alto CO2 nell’atmosfera. 1Nel bollettino del World Meteorological Organization lo stato dei gas serra nell’atmosfera, basato sulle osservazioni globali aggiornate al 2016, non è mai stato così preoccupante. Il WMO nel suo programma di osservazione globale dell’atmosfera con il Global Atmosphere Watch Programme (GAW) segue i cambiamenti dei livelli di gas serra (GHG) e funge da sistema di allarme rilevando variazioni di questi principali attori atmosferici del cambiamento climatico. I dati divulgati il 30 ottobre 2017 sono piuttosto allarmanti (Guarda il rapporto al link https://library.wmo.int/opac/doc_num.php?explnum_id=4022). Il tasso di aumento dell’anidride carbonica nell’atmosfera (CO2) negli ultimi 70 anni è quasi 100 volte più grande di quello alla fine dell’ultima era glaciale. Rspetto alla media di 10 anni precedenti al 2016 c’è un incremento del 50%. Cambiamenti atmosferici così importanti, di CO2 nell’atmosfera, non si sono mai visti. I rapidi aumenti di CO2 e di altri gas ad effetto serra (GHG) hanno il potenziale di avviare cambiamenti imprevedibili nel sistema climatico. Le cause sono legate a fattori quali la produzione umana quali le pratiche agricole intensificate, gli incrementi nell’uso del suolo e la deforestazione, l’industrializzazione e l’uso associato di energia da fonti di combustibili fossili. Nel 2016 le emissioni di CO2 provenienti dalle attività umane hanno avuto livelli record, queste insieme alle emissioni naturali del 2015 e del 2016 relative a El Niño, hanno contribuito all’aumento record della concentrazione di CO2 nell’atmosfera. Dalle più recenti ricostruzioni dallo studio dei nuclei di ghiaccio, è stato possibile osservare che i cambiamenti di CO2 non sono mai stati così rapidi come negli ultimi 150 anni e che le variazioni di CO2 del ghiaccio naturale hanno sempre preceduto le corrispondenti variazioni di temperatura, i dati geologici mostrano gli attuali livelli di CO2 corrispondenti al clima nella metà del Pliocene (3-5 milioni di anni fa) più caldo di 2-3 ° C, dove strati di ghiaccio sciolti portarono a livelli di mare 10-20 metri più alti di quelli di oggi. È arrivato il momento di muoversi perché più tempo aspettiamo a mettere in atto l’accordo di Parigi sul clima e maggiori saranno i costi e gli impegni per le necessarie riduzioni delle emissioni, tali da mantenere il cambiamento climatico entro limiti critici.

 

 

Condividi
News Reporter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

LEDmagazine