Commercialisti a  Roma contro il decreto fiscale: presente anche l’Ordine di Latina

Partecipata e corposa manifestazione quella svoltasi a Roma il 14 dicembre scorso e che ha visto sfilare per le vie della capitale Commercialisti ed Esperti contabili di tutta Italia, tutti uniti contro il decreto fiscale recentemente convertito in legge nel’ambito della legge di stabilità 2017. Non è mancata una significativa presenza dei professionisti di Latina il cui Ordine aveva formalizzato la propria posizione con una lettera al Consiglio Nazionale per unirsi convintamente alla protesta di resistere in massa alla misura che introduce un aggravio di incombenze davvero improbo per l’utenza e direttamente – quindi – per i professionisti. L’aggiunta di ben 8 nuovi adempimenti per comunicazioni iva non fa che costringere gli studi ad incrementare attività e costi. E già si annunciano altri pesanti adempimenti in materia di antiriciclaggio. Il successo della manifestazione è attestato da oltre 4.000 partecipanti, ricco di iscritti della provincia Latina, per lo più dal capoluogo pontino, non meno che da Aprilia, Terracina, Fondi e con la partecipazione dei rappresentanti del Consiglio in carica.
E dal governo ci si attende, adesso, che il Governo ponga modifiche urgenti alla normativa, per ricondurre alla normalità il rapporto tra Amministrazione finanziaria, utenza e commercialisti, nel rispetto delle funzioni e delle competenze di ciascuno. Bisogna, infatti, ricordare il ruolo centrale degli iscritti all’Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili negli adempimenti fiscali e nei connessi pagamenti di imposte.
Il Presidente Romagnoli e il Vice Presidente Stravato hanno commentato: “La manifestazione di Roma è stata una bellissima prova di unità e di civiltà nel rappresentare il proprio dissenso avverso norme inique e ingiuste, caratterizzata da correttezza e dignità, proprie della categoria che anche in tale occasione ha dimostrato il proprio spessore professionale. Auspichiamo una sempre maggiore presenza di commercialisti in Parlamento, nonché una forte e trasparente attività lobbistica per non trovarci più dinanzi a normative inadeguate o irrealistiche”.

 

 

 

 

Condividi
News Reporter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

LEDmagazine