Dai radioamatori ai Social: Si all’innovazione (ma senza inseguire nessuno)

Una riflessione dalla Presidente di Donna Impresa – Confartigianato Latina

di Marina Gargiulo

Le nostre imprese dal valore artigiano anche se piccole sono sempre più capaci di straordinaria innovazione, tutte eredi di una tradizione del “saper fare”, saper quindi risolvere con maestria problemi e richieste, dare forme intelligenti e creative.
Le nostre piccole imprese che producono bellezza, catapultate in mercati spietati al passo con le tecnologie digitali. Ormai siamo circondati da una sorta di “app economy”, dove i social diventano le nuove leve del marketing.
Ricordate nel passato i radioamatori? Quelli che trasmettevano notizie in tempo reale intercettando le frequenze delle stazioni radio? Oggi le voci nelle frequenze radio si sono trasformate e trasferite nelle bacheche di facebook, nei dibattiti di twitter e nelle frasi dei blog. Tutto è alla portata di tutti. Dai vecchi Lp alle playlist, dai dischi a youtube, tutto si “scarica” e si riproduce, spesso senza controllo.
Sono pronte le nostre piccole attività produttive a sfruttare al massimo il business digitale? Capaci di innovare ma timide di fronte ai cambiamenti del mercato emergente, necessitano sempre di supporti esterni anche per veicolare la propria immagine. Creano prodotti unici al mondo ma poi si spaventano davanti a chi parla inglese. Bisognerebbe smettere di imitare modelli di importazione e concentrarsi sulle potenzialità del nostro paese, “erede di un sapere tramandato da secoli”

Condividi
News Reporter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

LEDmagazine