Francesco Gabbani “TRA LE GRANITE E LE GRANATE”. Perché l’ironia non si ferma a Sanremo!

IL NUOVO SINGOLO DOPO IL  (SECONDO) TRIONFO AL FESTIVAL DI SANREMO CONFERMA UN AUTORE VERO, GARBATO E DI CONTENUTO. AL DI LA’ DEI TORMENTONI.Francesco Gabbani “TRA LE GRANITE E LE GRANATE”. Perché l’ironia non si ferma a Sanremo! 1

Un altro brano sarcastico che ci mostra come  sia  possibile  affrontare  in  modo  negativo  anche  cose  positive,  come può  essere  una  vacanza.
Gabbani ancora una volta riesce a cantare gli stereotipi, in questo caso la vacanza, surrogato del viaggio reale, piccola oasi di lentezza e pace, che ha la sola funzione di  rendere  sopportabile  il  lungo  inverno facendoci dimenticare per un attimo il mondo che sta fuori, la grigia quotidianità, la propria condizione.
La canzone racconta con tono sarcastico l’importanza per la società di definire l’estate – e quindi le vacanze – attraverso rituali sempre uguali, le code ai musei, villaggi turistici, con la speranza di tornare migliorati alla vita di tutti i giorni. Il nuovo album prende il titolo dal nome del navigatore ed esploratore portoghese, ed esprime con immediatezza l’idea del viaggio, inteso non solo come il moto verso un luogo, ma anche come i percorsi che ognuno di noi compie durante la propria esistenza. Gabbani con la sua intelligente arte di descrivere attraverso la canzone il malcostume dei giorni moderni si candida ufficialmente ad essere il filosofo del nuovo millennio.
Colto, giovane, fresco, mai eccessivo,  il Francesco da Carrara è una vera ventata di freschezza, nella fin troppo calda estate 2017. Il video coloratissimo e a tratti kitsch è diretto dal regista carrarese Gabriele Luchetti: le immagini richiamano la freschezza dell’estate ma anche la ridicolaggine di alcuni personaggi da spiaggia.
Il singolo, contenuto nel disco “Magellano”, è uscito venerdì 28 aprile, disponibile su CD, vinile bianco a tiratura limitata e su tutte le piattaforme di digital download e streaming.

Fabio Antonelli

Condividi
News Reporter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

LEDmagazine