Pari Opportunità – Webinar da Confassociazioni Campania su  “La centralità dell’empowerment femminile”

Crescita, potere, consapevolezza, decisione, azione…quanti altri termini rientrano a comporre il concetto oxfordiano di “Empowerment”? Applicato, come da rigorosa tradizione britannica in nome delle Suffragette, all’universo femminile, nei secoli e ad ogni latitudine, ‘empowerment’ coincide con un senso inconfondibile di forza applicato a tenacia, a resistenza, a capacità di soffrire e resistere. Per questo non poteva essere più centrato il titolo del Webinar che avrà luogo  a fine pomeriggio (provvidenziale ore 19,00!) del 7 luglio 2021  col patrocinio, fra gli altri partner, di Confassociazioni e il Comune di Cava dei Tirreni, in una con movimenti di ispirazione cattolica e operatori del mondo produttivo e attivo della società campana e della provincia salernitana in particolare.Bozza automatica 19

Presenza egemonica  di relatrici, ché solo al femminile poteva illustrarsi il caleidoscopio de “La nuova prospettiva del Paese con la centralità dell’empowerment  femminile”. A ben guardare, ammetteranno per primi i componenti del pubblico maschile, la realtà del nostro tempo vive le fasi di un  processo irreversibile e irrinunciabile di riscatto al femminile. Una società sempre più equilibrata, coinvolgente e libera non può che aprirsi al mondo femminile per farne davvero il rinnovato motore, riscattandosi da malintesi limiti culturali che ancora inquinano la dialettica tra i sessi, tentando di  ostruire ed esasperare ancora oggi gli spazi che competono a valori come la diversità e la meritocrazia. Presenti, così, le voci di autentiche protagoniste e, al tempo stesso, testimoni  di femminilità ed esperienze di genere come Adriana Apicella, esperta di comunicazione digitale e direttore generale di  Confassociazioni, l’imprenditrice Alessandra Puglisi presidenrte del comitato femminile plurale presso Confindustria di Salerno, professioniste come la Notaio Orfina Scocco, presidente del club Unesco di Alberona (FG), la presidente dell’Ordine commercialisti di Milano, dr.ssa Marcella Caradonna, fino al mondo universitario con la ricercatrice  Simona Capece come alla testimonianza in politica portata da Stefania Brancaccio, referente nazionale del comitato donne presso l’Ucid.

Un grande affresco, dunque, della realtà femminile che si chiama protagonista e sceglie ormai convintamente di farsi protagonista delle sfide alle porte degli anni venti del terzo millennio. Né poteva mancare anche una ‘cabina di regia’ dell’evento tutta al femminile, per il coordinamento della dr.ssa Veronica Rauso, referente Pari Opportunità per l’Istituto Nazionale Tributaristi, in unione con Leonarda Scrocco, presidente Ucid per il territorio di Cava dei Tirreni, costa d’Amalfi e Salerno.

Dal sud – ma senza soluzione di continuità lungo tutto il Paese – trova conferma, anche nel succedersi costante di occasioni di così alto impegno, l’insostituibile sinergia di un rapporto sempre più paritario fra i due sessi. Valore aggiunto e   irrinunciabile a   sostenere la civiltà del lavoro, dell’impresa e della cultura del nostro tempo.

***

 

News Reporter